Altri Sport
 

Vitale e Martino protagonisti al 42esimo memorial “Musacchio”

Un argento, un bronzo e tanto cuore per i cadetti calabresi di scena al classico Memorial "Musacchio", manifestazione in pista per rappresentative regionali, disputatasi ad Isernia, sabato 22 settembre u.s. Otto regioni in gara: Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Umbria, Marche, Molise, tanto pubblico ed una giornata dal clima mite hanno dato vita ad un meeting dagli spunti tecnici interessanti, motivo di soddisfazione anche per la nostra Regione, a cominciare dal secondo posto negli 80 piani del reggino Alessandro Vitale (A.S.D. Sporting Club RC) al primo anno di categoria, miglioratosi fino a un ottimo 9"42, dietro di un niente al quotato Vincenzo Leone (Academy Bari) vincitore in 9"35. Al terzo posto in 9"65, Guido Frigo (G.S. Filippide), portacolori della rappresentativa umbra. Nella serie extra degli 80 piani, buona prova per Gianmarco Molinari (Cosenza K42), quinto con 9"94. Al femminile Francesca Colonna (Cosenza K42) è sesta in 11"27. La seconda medaglia di giornata, dopo una condotta di gara magistrale, arriva dall'eccellente terzo posto di Samuele Martino (ASD Icaro RC) sui 5000m di marcia, chiusi vicino al personale con 24'53"72. L'allievo nonché nipote di Felice Scotto, al primo anno di categoria, con un gesto tecnico pulito, è costretto a cedere al leader stagionale Nicola Lo Muscio (Atletica Giovanile Acquaviva), primo in 23'43"38, ed al marchigiano Mattia Grilli (Atletica Porto S. Elpidio), secondo in 24'33"64. Nei 300m piani la tensione limita le aspettative di Pasquale De Fazio (Atletica Amica), settimo in 40"97. Si migliora invece Bernardo Verteramo (Zagara Associazione Sportiva) nei 1000 metri, decimo in 2'56"68, ottenendo il minimo B per la partecipazione ai campionati italiani di categoria. Nel salto in lungo Simone Chilà (Atletica Olympus) è quinto con 5,76m ottenuti alla seconda prova, mentre al femminile Giuliana Briguglio (Atletica Minniti) è decima con 4,20m. Nel salto in alto si migliora Lorenzo Caputo (Atletica Rendese), ottavo con 1,55m, buon quinto posto per Giuseppe Nicolò (Atletica Barbas) nel giavellotto con 41,02m. Classifica combinata a squadre appannaggio delle Marche, davanti a Puglia ed Umbria.

-