Altri Sport
 

Scherma, il cosentino Valente convocato a Budapest per la 3ª Prova del Circuito Europeo Cadetti

Si è tenuta a Budapest, nel weekend dal 9 al 11 novembre, la 3ª Prova del Circuito Europeo Cadetti, gara valida per i Campionati Europei Under-17.

Gustavo Valente, atleta del Club Scherma Cosenza, è stato selezionato nel gruppo dei 16 atleti che hanno rappresentato l'Italia in questa gara e si sono confrontati con i quasi 250 gli atleti partecipanti.

Valente è quindi partito alla volta dell'Ungheria, accompagnato dall'istruttore Marco Perri, per partecipare alle competizioni nella specialità della Spada Maschile, sia nella gara individuale che in quella a squadre.

Sabato 10, nella gara individuale, il giovane Gustavo inizia bene anche se paga leggermente l'emozione di un esordio internazionale di questa portata. Chiude il girone conquistando due vittorie e sfiorandone altre due. Il risultato è sufficiente per qualificarsi nella metà bassa del tabellone e ciò implica un primo assalto a eliminazione diretta con un atleta di maggiore esperienza: Erik Tobias (Estonia). Valente riesce comunque a tenere testa all'avversario nella prima frazione, ma deve poi cedere le armi chiudendo la sua gara con un onorevole 15-10 a favore dell'estone. Per il cosentino 157° posto nella classifica definitiva.

Domenica 11 si è tenuta la gara a squadre a cui Gustavo Valente partecipa come componente di Italia 4 insieme a Stefano Di Fato, Mattia Fedeli e Paolo Santoro. Sono iscritte alla gara 36 squadre e si compone un tabellone sulla base del ranking. Italia 4 salta così il turno iniziale di spareggio e inizia la gara direttamente dai sedicesimi di finale contro Russia 4.

I giovani spadisti italiani salgono in pedana con grinta e portano a casa un 45-34 che li conferma fra le prime 16 squadre del torneo. L'assalto per entrare fra i primi 8 è però contro Russia 1, la prima scelta del CT russo. Il confronto è impari e i nostri devono arrendersi 45-28 a degli avversari più che degni e che saranno sconfitti solo in finale da Italia 1.

Nei successivi incontri di spareggio Italia 4 vince 45-35 contro Italia 3 e poi perde per una sola stoccata (40-39) contro Germania 1 andando allo spareggio finale per l'undicesimo posto contro Russia 2. Anche in questo caso i russi avranno la meglio 45-31 e Italia 4 concluderà lì la sua gara, conquistando un buon 12° posto, migliore rispetto alla posizione del ranking iniziale.

La spedizione italiana porta comunque a casa entrambe le medaglie d'oro per la specialità della spada: nella gara a squadre con Italia 1 e nell'individuale con Damiano Di Veroli della Giulio Verne Scherma Roma.