Bevacqua: "Contrastare spopolamento aree interne"

"Una strategia realmente efficace per le aree interne deve poggiare su due pilastri fondamentali e interconnessi: il contrasto allo spopolamento e la salvaguardia del territorio". È quanto ha affermato, in un incontro tenutosi sull'Alto Ionio, il consigliere regionale Domenico Bevacqua, presidente della Commissione Ambiente e Territorio, rilanciando la sua proposta "Montagna solidale".

"Dobbiamo tenere ben presente - ha aggiunto - che, da qui a pochi anni, il bacino degli operai forestali si svuoterà definitivamente e che, senza una costante manutenzione ordinaria, non è pensabile nessuna reale possibilità di prevenzione dei fenomeni di dissesto idrogeologico. È per questo che il mio progetto che, superando la tradizionale concezione legata all'opera forestale, prevede un coinvolgimento interdipartimentale di tutti i settori regionali competenti per materia, avviando una fase di formazione sul campo di un numero congruo di giovani e la loro successiva immissione entro un sistema coordinato di interventi di difesa del suolo, mitigazione del dissesto e prevenzione del rischio idraulico e geomorfologico. Senza garantire la possibilità di restare a quanti vivono sui territori ogni investimento sulle aree interne risulterà inutile. Ridurre anzitempo il rischio e gestirlo mediante una pianificazione adeguata, non è un costo ma un investimento lungimirante su comunità che vivono la quotidianità di realtà notevolmente disagiate e si aspettano da noi misure concrete che offrano speranze ragionevoli: si tratta di realizzare una parte essenziale del programma con il quale ci siamo presentati agli elettori e, se non dovessimo realizzarla, la nostra gente non ce lo perdonerà". "Subito dopo le elezioni politiche - ha concluso Bevacqua - terrò un'iniziativa pubblica aperta alle forze sociali e agli amministratori locali, al fine di convogliare attorno al progetto la più ampia consapevolezza e condivisione. Sono certo che, ben conoscendone la sensibilità verso la tematica, il presidente Oliverio non mancherà di garantire il suo sostegno a un'idea di cui abbiamo ampiamente discusso e che ha l'ambizione di innescare una reale inversione di tendenza rispetto all'attuale modello di tutela ambientale". (ANSA)