La Flc Cgil: “Appena conclusa campagna elettorale difficile”

"Quella appena conclusa è stata sicuramente una campagna elettorale difficile. Vi abbiamo partecipato con la chiarezza e l'autenticità che hanno caratterizzato in questi anni il nostro modo di operare, le nostre battaglie di dignità, fermamente convinti della capacità di giudizio da parte delle lavoratrici e dei lavoratori. Il contratto ha restituito alle RSU gli strumenti fondamentali dell'azione sindacale per tutelare i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. Non ci sarà più materia che non debba passare quanto meno per il confronto sindacale. In sostanza più potere alle lavoratrici e ai lavoratori, più partecipazione alle scelte che si compiono ogni giorno nei luoghi di lavoro. Abbiamo conquistato altri diritti prima non esistenti: il congedo retribuito fino a 3 mesi, ad esempio, e i congedi parentali per le donne vittime di violenza e il diritto alla disconnessione. Inoltre, per la prima volta entra in un Contratto collettivo della scuola la definizione di scuola come di una "comunità educante", informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni.

Tutte le norme previste per il matrimonio sono estese alle unioni civili. Sono state introdotte le assenze per l'espletamento di visite diagnostiche, terapie e prestazioni specialistiche fino ad un massimo di 18 ore. Siamo consapevoli che sul piano salariale, gli aumenti medi di 85 euro mensili recuperano solo in parte il potere d'acquisto perso in questi anni, ma questo, per noi, è solo l'inizio.

Il contratto del triennio 2016-2018 sta per scadere, e a giugno prossimo metteremo subito in campo le nostre piattaforme, sfidando la controparte sul merito con lo sguardo proiettato al futuro. Ci sono temi che devono essere affrontati con priorità e urgenza: precariato, profili professionali, carichi di lavoro, e intendiamo rivendicare nella prossima legge di bilancio le risorse necessarie per il prossimo triennio 2019-2021." Il contratto, dopo 8 anni, ritorna ad essere il protagonista principale nella regolamentazione delle relazioni sindacali diventando lo strumento principale con cui le RSU eserciteranno il ruolo di rappresentanza nei luoghi di lavoro. Saranno loro infatti i veri protagonisti della contrattazione.

La FLC CGIL si riconferma primo sindacato all'Università della Calabria con 181 voti di preferenza e tre Rappresentanti Sindacali Unitari (RSU). Tre Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Ottimo risultato anche all'Università "Magna Graecia" di Catanzaro, con un Rappresentante Sindacale Unitario (RSU). Primo sindacato all'Università Mediterranea di Reggio Calabria. Forte crescita negli Enti di Ricerca e primo sindacato al CNR di Cosenza. Anche nella scuola e nell'AFAM la FLC CGIL, anche se in presenza di dati non ancora definitivi, conferma l'aumento di consenso rispetto alle precedenti elezioni.

A tutte le lavoratrici ed i lavoratori il nostro ringraziamento per aver reso possibile tutto ciò. Un grazie ai candidati, ai componenti di commissioni e seggi, a coloro che hanno sostenuto con il loro voto le liste della FLC CGIL. Un riconoscimento, questo, che ci impegna a continuare sempre con maggiore forza nella nostra azione di tutela e rappresentanza". Lo afferma la segreteria regionale della Flc Cgil.