Ecomafia 2018, De Raho: "Criminalità attratta dai rifiuti. Pubblica Amministrazione vittima della corruzione"

derahofedericocafiero"Ancora una volta il Rapporto evidenzia come i rifiuti rappresentino uno dei momenti di maggiore interesse della criminalita' e come nelle 4 regioni piu' a rischio - Calabria, Campania, Puglia, Sicilia - la presenza della criminalita' incida pesantemente sul territorio fino alla gestione del ciclo dei rifiuti". Lo dice il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, intervenuto alla presentazione del rapporto Ecomafie 2018 di Legambiente. "In particolare- sottolinea il procuratore- si rileva ancora una volta l'accostamento tra criminalita' ambientale e corruzione. Se certi casi si prepetuano e' anche perche' una parte delle istituzioni non fa la sua parte, la corruzione continua ad avere una importanza molto grande sul territorio. La stessa infiltrazione mafiosa ha portato nei primi mesi del 2018 allo scioglimento di 16 amministrazioni comunali, a fronte delle 20 dell'anno precedente. La mafia- termina il procuratore- continua a stringere legami con la pubblica amministrazione, e il trattamento dei rifiuti non e' esente da tutto questo" .