Emergenze ambientali e infrastrutture, Gallo: “Senza investimenti non si va da nessuna parte”

gallo gianluca«Ho trovato insufficiente la relazione introduttiva della Giunta regionale: un lungo elenco della spesa, di opere da ammodernare e di interventi da effettuare ai quattro angoli della Calabria, ma neppure una parola, o quasi, sulle misure da adottare per rendere sicuro uno dei più grandi parchi naturali d'Europa".
Così afferma a conclusione dei lavori del Consiglio regionale il consigliere Gianluca Gallo.
"Inutile prendersi in giro, e deve saperlo anche il Governo centrale: senza finanziamenti e azioni mirate non si andrà da nessuna parte. Troppo facile provare a scaricare ogni responsabilità su un sindaco incolpevole e tacere, ad esempio, dell'inadeguatezza della rete pluviometrica o del sistema di allertamento meteo.

Insomma, verificare se ciò che doveva e poteva essere fatto sia stato fatto o meno è doveroso, ed è in primis compito della magistratura, ma non possiamo restare a guardare: la Regione deve investire risorse proprie, quelle disponibili, ed ottenerne di nuove da Roma e Bruxelles per ridurre il rischio idrogeologico in tutta la Calabria e, nello specifico, per garantire la sicurezza lungo il torrente Raganello. Per questo ho proposto che si dia corso a un progetto speciale per Civita: per fare delle sue Gole uno dei siti più sicuri d'Europa e per rendere ancor più attrattivo il borgo. Credo sia quello che serve e va fatto. A meno di non voler rinunciare ad un pezzo di territorio che il mondo ci invidia e ad un modello di sviluppo che, pur con le sue criticità, in questi anni è stato di esempio per tante realtà».