Giudiceandrea: “Sul ‘caso Tansi’ c’è davvero poco da gioire”

"Io penso che sul cosiddetto "caso Tansi" c'è davvero poco da gioire e duole rilevare la assoluta intempestività di un provvedimento disciplinare di sospensione (abnorme, improvvido ed esso sì incauto) del responsabile della Protezione civile all'approssimarsi dell'inverno e del maltempo.
Se avessimo voluto giudicare l'onorevole Tallini per le sue colorate apparizioni all'inizio di questa consiliatura avremmo commesso un errore imperdonabile di sottovalutazione. E così è per Tansi, per il quale, l'unico metro di giudizio che la politica ha il dovere di usare è quello della valutazione serena dei risultati in termini di risparmi milionari nella gestione della Protezione civile regionale, nell'efficiente utilizzazione di mezzi e personale e nell'eliminazione di privilegi e falsi servitori dello Stato. Ed invece no, si preme l'acceleratore all'approssimarsi delle piogge e di un concorso pubblico in cui saranno i titoli a determinare chi dovrà priseguirne l'opera: Tansi stesso o necessariamente una persona migliore (a trovarla, viene da dire).
Ed allora non è incauto pensare quel che pensano un milione di calabresi ché, amava dire qualcuno politicamente molto più robusto del sottoscritto, a pensar male si fa peccato ma quasi sempre ci si coglie.
Provate a giudicare Tansi e chi lo ha scelto e nominato per i risultati eccezionali raggiunti dalla Protezione civile (che interveniva nelle Gole del Raganello a soli 8 minuti dalla prima notizia del disastro e garantiva immediata salvezza e soccorso a chi avrebbe certamente trovato la morte in quelle Gole), e facciamoci tutti un esame di coscienza sulla necessità di lasciare sguarnita la guida della Protezione civile per 45 giorni (ovvero fino a fine anno), ed in pieno inverno, per bagattelle personali che avrebbero potuto trovare sfogo nelle Procure della Repubblica. Nessuno dice che il Tansi uomo non può essere querelato se qualcuno si sente offeso dal suo, sacrosanto, diritto di esprimere opinioni; trovo invece molto incauto che si discuta il Tansi responsabile della Protezione civile Calabria e i risultati che ha portato. Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità politiche. So che il governo di centrosinistra sarà, ancora una volta, dalla parte giusta in questa vicenda". Lo afferma attraverso una nota Giuseppe Giudiceandrea consigliere regionale e Capogruppo Democratici e Progressisti.