Princi (Uiltemp): “Indietro non si torna sulla vertenza dei lavoratori ex Lsu Lpu della Calabria”

La manifestazione di ieri mattina presso la Prefettura di Catanzaro, promossa dal Sindacato Confederale e dalle rispettive Categorie, ha visto una massiccia partecipazione di lavoratori ex Lsu Lpu provenienti da tutta la Calabria, nonostante le precarie condizioni meteorologiche.

L'incontro - dichiara Stefano Princi Segretario Provinciale Uiltemp di Reggio Calabria - presieduto dal Prefetto, ha visto la partecipazione di due Parlamentari Calabresi , della regione Calabria, di ANCI e di numerosi Sindaci.

Vista la delicata problematica – continua Princi- avremmo gradito, la presenza dell'intera deputazione Calabrese, per fare fronte comune nei confronti dell'attuale Governo, che ad oggi non ha previsto nella legge di stabilita' le risorse necessarie e le relative deroghe normative; cio'comporterebbe il licenziamento di questi lavoratori , che oltre a farci assistere ad una delle più grandi ingiustizie sociali della Nostra terra , manderebbe in fumo cospicui finanziamenti pubblici, circa 350 milioni di euro erogati dal 2015 ad oggi, destinati alla loro stabilizzazione.

Pertanto e' stato richiesto al Prefetto di Catanzaro di farsi carico di una mediazione con gli Uffici di Governo affinche' si possa ottenere un tavolo Ministeriale preposto per discutere e risolvere la problematica.

Diversamente la Uiltemp unitamente alle altre Organizzazioni Sindacali, non esclude sin da subito azioni eclatanti, dal blocco dei servizi presso tutte le Amministrazioni, fino ad arrivare, se necessario, a manifestare sotto la Presidenza dei Ministri .

Questa Organizzazione sindacale - conclude Stefano Princi - sara' come sempre al fianco dei lavoratori, ribadendo che indietro non si torna.