‘Ndrangheta, riciclaggio: quattro assoluzioni a Torino

E' terminato con l'assoluzione di tutti gli imputati a Torino un processo per presunte attivita' di riciclaggio di denaro proveniente da ambienti legati alla 'Ndrangheta. La sentenza riguarda gli imprenditori Ilario D'Agostino e Francesco Cardillo, per i quali la procura aveva chiesto sei anni di carcere (difesi dagli avvocati Carlo Romeo e Rosalba Cannone) e altre due persone. Un quinto imputato patteggio' alla fine delle indagini preliminari. Il procedimento e' una costola dell'inchiesta Pioneer e si riferiva a transazioni di 'edilizia finanziaria', risalenti al 2006, tra diverse societa' del Nord-Ovest. L'ipotesi della procura, corredata dalle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia, e' che le operazioni nascondessero il riciclaggio di denaro proveniente, in particolare, dalla cosca di Cimina' facente capo, secondo le ricostruzioni degli inquirenti, al presunto boss Antonio Spagnolo (non imputato in questo processo). Il tribunale ha pronunciato le assoluzioni "perche' il fatto non sussiste".