Calcio
 

Urbs, il punto sulle strutture: ritiro itinerante, già ok il settore giovanile

belardidi Paolo Ficara - C'è una Reggina che funziona. È quella rappresentata da uomini il cui percorso sportivo è stato forgiato all'interno della Reggina Calcio, o che in quello storico club hanno vissuto momenti di esaltazione. Oggi, la professionalità e soprattutto lo spirito di squadra di gente come Branca, Taibi e Belardi, è al servizio della Urbs. Ossia di una società che ha rinunciato a rappresentare la continuità della Reggina Calcio, perdendone i beni immateriali dopo due anni di affitto. Fra qualche settimana, tale società compirà tre anni di vita. È un dato di fatto, inoppugnabile.

Così come è un dato di fatto che tale società, ad oggi senza grossa concorrenza, rappresenta la città di Reggio Calabria nel calcio professionistico. Ed il lavoro di Branca, Taibi e Belardi sta fin qui servendo per mettere enormi toppe. Di gente con voglia di lavorare, ce n'è sempre bisogno. La gente che sa lavorare, è indispensabile. Degli impiastri se ne dovrebbe fare a meno, ma tale valutazione non è certamente rivolta ai tre di cui sopra.

Non è difficile immaginare come e quanto possa essersi speso Emanuele Belardi, messosi a disposizione dei compagni di "scrivania", nell'organizzare il ritiro precampionato. San Gregorio Magno si trova infatti a pochi chilometri da Eboli, sua città natale. Ottima la struttura che ospiterà la Urbs fino al termine di luglio, la sede potrà tornare utile anche per qualche amichevole. Il contatto con la Salernitana avrebbe dovuto produrre, in un primo momento, un triangolare assieme al Corigliano in terra silana: non sono state trovate le date utili, ma se ne riparlerà.

Al ritorno sul territorio, tra fine luglio ed inizio agosto, la Urbs dovrebbe intraprendere una seconda parte itinerante di ritiro. Al momento sarebbero in piedi Gallico e Bova come tappe. Per quanto riguarda gli allenamenti da svolgere durante il campionato, la politica locale dovrebbe accelerare i tempi per sistemare definitivamente o il campo di Ciccarello, oppure quello di Ravagnese. Per poi eventualmente aprirne i cancelli alla Urbs, non si sa bene a che titolo.

Tornando a Belardi, il nuovo responsabile del settore giovanile si è mosso da tempo per le strutture. Berretti, Allievi e Giovanissimi dovrebbero trovare posto a Longhi-Bovetto, mentre la scuola calcio ha già effettuato dei provini nel Reggio Village, ossia i campi del viale Messina già appartenuti all'Hinterreggio. Entrambe sono strutture gestite dalla scuola calcio di Ciccio Cozza.