Calcio
 

+++++Ultim'ora+++++  Capitano Ultimo è il nuovo Assessore all'Ambiente della Regione. Santelli: "In Calabria luci ed ombre, insieme faremo un gran lavoro". E annuncia: "Starò a Roma almeno tre giorni alla settimana"

A Bisceglie finisce sempre allo stesso modo: Reggina avanti all'ultimo secondo, è 1-2

20190827 121402di Paolo Ficara - Stessa spiaggia, stesso mare. Circa un anno fa, di questi tempi, Nicola Bellomo metteva per la prima volta a dure prova le coronarie del Presidente Gallo, consentendo alla Reggina di sbancare Bisceglie molto oltre il 90'. Copione simile per una formazione amaranto lontana parente di quella ammirata per tutto l'autunno. Ebagua al 15' sferra una saetta alle spalle di Guarna per il vantaggio dei padroni di casa. In zona Cesarini il pareggio di Loiacono all'87', dopo un rigore fallito da Corazza. Motivo per cui al 98' è Denis a presentarsi sul dischetto, portando a casa i tre punti con il gol dell'1-2.

LE SCELTE – Tra Blondett e Gasparetto viene ancora scelto il primo come sostituto di Bertoncini in difesa. Garufo si riprende la fascia destra, dal lato opposto c'è Liotti per la prima volta titolare. Sounas preferito a Bellomo e Rivas, si rivelerà il migliore in campo. Maglia anche per Sarao come partner di Corazza. Nel 3-4-3 (sula carta, in realtà è 5-4-1) di Mancini c'è Ebagua punta centrale, con gli ex Mastrippolito e Zibert che trovano posto il primo a destra ed il secondo in mezzo al campo. Si gioca su un campo da infima categoria.

EBAGUA INCONTENIBILE – Su un traversone a rientrare da sinistra, Blondett non ci mette la testa ed Ebagua incorna sul palo. È la prima avvisaglia. Il nigeriano al 15' sblocca il match con una giocata delle sue: fisico a protezione del pallone, sinistro improvviso da fuori area e rimbalzo che tradisce Guarna per il vantaggio del Bisceglie. Per tutto il primo tempo Ebagua riuscirà a far salire i compagni, aitandoli a tenere lontano dalla porta una Reggina che ci prova solo con Liotti su palla inattiva. Amaranto irriconoscibili, che si affidano ai lanci lunghi più per scelta che per le condizioni del terreno.

TUTTI DENTRO – Toscano ha già dovuto rinunciare a Garufo dopo pochi minuti per infortunio, dentro Rolando. Poi all'intervallo è Reginaldo a sostituire Bianchi, rendendo molto offensiva la squadra. Gli ingressi di Denis e Nielsen al posto di Sarao e De Rose innalzano il tasso tecnico, in un secondo tempo nel quale si gioca ad una sola metà campo. Di tiri in porta però ne arrivano pochi. Denis suona la carica con un colpo di testa parato da Borghetto: sarà il primo di una serie di pericoli portati da palla inattiva. Infatti su corner arriva il mani di Zibert, ma Corazza dal dischetto trova la traversa.

RIBALTONE - L'episodio non demoralizza la Reggina. Con Sounas a tirare le fila a centrocampo, Toscano piazza Bellomo a sinistra in luogo di Liotti. Una punizione pennellata dal greco trova la torre di Rossi verso il secondo palo: Loiacono da ottima posizione non fallisce il pareggio all'87'. Vengono concessi cinque minuti di recupero, gli amaranto continuano a premere ed al 95' l'arbitro vede un altro mani di Hristov in area. Proteste vibranti, che portano all'espulsione di Diallo. Passano altri tre minuti, ma Denis mantiene la freddezza e al 98' dal dischetto infila il pallone dei tre punti più pesanti di questa stagione.

TRE PUNTI D'ORO - Cosa è successo alla Reggina? Gli avversari hanno preso le misure? Possibile un intero primo tempo senza vere conclusioni al cospetto della terzultima? La prestazione è sicuramente insufficiente, almeno stando a come ci aveva abituati la squadra. Per questo motivo sono ancora più preziosi i tre punti, fermo restando che il vantaggio sulle inseguitrici sarebbe rimasto ampio anche con un altro risultato. Ricordiamo che questa è stata la terza trasferta consecutiva per gli amaranto, forse 'è bisogno di ritrovare il pubblico del "Granillo": cosa che avverrà mercoledì sera, contro la Virtus Francavilla.

BISCEGLIE-REGGINA 1-2

Marcatori: 15' Ebagua (B), 87' Loiacono (R), 97' rig. Denis (R).

Bisceglie (3-4-3): Borghetto; Turi, Hristov, Diallo; Mastrippolito, Rafetraniana, Zibert (92' Abonckelet), Armeno; Romani, Ebagua (83' Montero), Gatto (67' Karkalis). A disposizione: Casadei, Tarantino, Dellino, Camporeale, Longo, Murolo, Ferrante, Tessadri. Allenatore: Mancini.

Reggina (3-4-1-2): Guarna; Loiacono, Blondett, Rossi; Garufo (22' Rolando), Bianchi (46' Reginaldo), De Rose (59' Nielsen), Liotti (80' Bellomo); Sounas; Corazza, Sarao (59' Denis). A disposizione: Farroni, Bresciani, Gasparetto, Rubin, De Francesco, Paolucci, Rivas. Allenatore: Toscano.

Arbitro: Matteo Gualtieri di Asti (Gianluca D'Elia e Andrea Niedda di Ozeri).

Note - Al 64' Corazza (R) sbaglia un calcio di rigore. Ammoniti: Zibert (B), Denis (R), Borghetto (B). Espulso: Diallo (B). Calci d'angolo: 2-8. Recupero: 1'pt; 5'st.