Catanzaro
 

I genitori reclusi incontrano i figli grazie a un progetto tra la direzione del carcere di Siano e dall'associazione “Universo Minori”

Essere genitori non e' mai facile. Essere genitori se si e' reclusi in un carcere, invece, e' difficilissimo. Per questo e' nata un'esperienza portata avanti dalla direzione del carcere di Siano a Catanzaro e dall'associazione Universo Minori, presieduta da Rita Tulelli, che, riporta l'Agi, punta a valorizzare la genitorialita' in un contesto delicato come quello dell'istituto penitenziario. Negli ultimi mesi, per una volta la settimana, una ventina di bambini e adolescenti, di eta' compresa tra zero e sedici anni, figli di persone detenute, hanno potuto incontrare i loro genitori in un ambiente all'interno della struttura di Siano pensato "a misura di bambino" e animato da tante attivita'. "I bambini che devono frequentare questa realta' per incontrare i loro parenti devono poter ricevere da questa esperienza una reale educazione alla legalita'" ha affermato il direttore del carcere Angela Paravati. "Per questo motivo sono stati ideati questi laboratori di attivita' manuali, disegno, danza: per educare all'uso corretto del tempo libero in compagnia dei genitori, che a loro volta stanno compiendo un percorso". Presenti anche la docente di inglese del Centro per l'istruzione degli adulti Angela Mingrone, nonche' l'assessore alla cultura del Comune di CatanzaroConcetta Carrozza. Le operatrici Jessica Scalise, Pamela Critelli, Tiziana Rotundo e Jessica Ianchello, dell'associazione "Gaia", sostenuta dall'associazione Universo Minori, all'interno della struttura di Siano e in modo assolutamente gratuito per l'Istituto penitenziario, hanno curato i laboratori creativi, nell'ambito della piu' ampia finalita' istituzionale di rendere questo "quartiere chiuso" un servizio sociale. Il momento conclusivo del progetto e' stato particolarmente commovente, anche per la partecipazione emotiva dei piu' piccoli: una ragazza nel corso dell'incontro finale ha ringraziato l'istituzione per questa opportunita', sostenendo che questo spazio ha "colmato" almeno una volta la settimana, il vuoto che tutti gli altri giorni la separa dal padre. Le attivita' continueranno - sottolineano dalla direzione del carcere - e sara' rafforzata anche la cooperazione con le scuole del territorio".