Catanzaro
 

19 anni fa la tragedia al camping ‘Le Giare’ di Soverato, Unitalsi: “Non dimenticare è un dovere”

Diciannove anni fa la tragedia al Camping Le Giare in Calabria: "non dimenticare e' un dovere". Lo scrive l'Unitalsi ricordando le 13 persone morte nel 2000: "un paradiso naturale puo' trasformarsi in un inferno. In pochi minuti, per il sopraggiungere di una calamita', con l'incuria dell'uomo che e' incapace di prevenire, quello che era un luogo di grande bellezza puo' trascinare nel gorgo della morte. A Soverato si e' consumata una tragedia, tanto piu' cruenta in quanto ha colpito soprattutto disabili. Nella notte tra il 9 e il 10 settembre nella cittadina del cosentino, un'alluvione causata dallo straripamento del torrente Beltrame distrusse il campeggio Le Giare, causando la morte di disabili e volontari dell'Unitalsi di Catanzaro, che in quel camping stavano trascorrendo le loro vacanze". "Quello che e' accaduto al camping restera' per sempre nella coscienza non solo dei calabresi ma in quella dell'intero Paese", ha detto Vincenzo Trapani, presidente della Sezione Calabrese dell'Unitalsi. Non mi scordero' mai l'immagine dei feretri dei nostri amici tutti in fila nella sala mortuaria dell'ospedale, ammalati e volontari, proprio quest'ultimi sono stati la massima espressione del volontario Unitalsi, hanno donato la propria vita per salvare l'altro ammalato e in difficolta'". A Soverato e a Reggio Calabria l'Unitalsi organizzera' una messa in ricordo delle perone scomparse.