Cosenza
 

Sì dei consiglieri regionali per lo studio di fattibilità del nuovo ospedale di Cosenza

catanzarocittadellaregionale15aprIl presidente della Giunta regionale Mario Oliverio ha incontrato oggi, negli uffici della Cittadella di Germaneto, i consiglieri regionali della circoscrizione cosentina per la presentazione dello Studio di fattibilità finalizzato alla realizzazione del nuovo ospedale di Cosenza. All'incontro hanno partecipato i consiglieri Bevacqua, Giudiceandrea, Guccione, Morrone e Orsomarso. Hanno dato adesione e giustificato la loro assenza per impegni istituzionali precedentemente assunti fuori sede i consiglieri D'Acri, Gentile, Graziano, Greco e Sergio. Lo rende noto un comunicato dell'ufficio stampa della Giunta. "Tutti i consiglieri presenti - prosegue la nota - sono intervenuti per esprimere apprezzamento per la metodologia posta a base dello studio di fattibilità. Nel merito, è stata manifestata intesa sulle indicazioni emerse dall'esame dei fattori di studio. L'obiettivo è quello di poter realizzare una struttura moderna, accessibile e tecnologicamente avanzata per garantire la centralità del bisogno e della domanda dei pazienti". "Una nuova struttura che - ha detto Oliverio - dovrà costituire un vero e proprio atto di riforma strutturale del sistema sanitario della Provincia di Cosenza". "I consiglieri regionali - è scritto nella nota - hanno convenuto con il Presidente sulla necessità di accelerare l'iter della realizzazione, con tempi certi, del nuovo nosocomio. È stata valorizzato l'impegno della Regione a sostegno della azione di riqualificazione e di potenziamento dei livelli di sicurezza che l'Azienda ospedaliera sta già efficacemente attuando all'Ospedale civile dell'Annunziata. È stata espressa, inoltre, adesione alla proposta del presidente Oliverio di istituire sul sito dell'attuale struttura ospedaliera dell'Annunziata la 'Cittadella della Salute' che sarà organizzata per raggruppare tutti i servizi amministrativi e sanitari dell'Azienda Sanitaria Provinciale oggi disseminati nella città di Cosenza".

--bannner--