Cosenza
 

I progetti futuri del Pd di Campana

All'indomani dello svolgimento del Congresso Provinciale presso il Circolo Pd di Campana, centro pre-silano che occupa una cospicua area del basso-ionio cosentino, emerge la necessità da parte del segretario cittadino Mimmo Lerose e di tutta la base dei numerosi iscritti, composta anche da autorevoli amministratori comunali del presente e del passato oltre che da una nutrita presenza di giovani e disoccupati che non si rassegnano ad abbandonare il paese, di consegnare delle riflessioni pubbliche su come le vicissitudini del Partito Democratico sono percepite e vissute nelle aree periferiche, dove l'effetto passerella non arriva e dove il senso di appartenenza all'ideale politico è ancora radicato e ci si attende un partito fatto di azioni concrete e tangibili: "In merito alla questione principale che riguarda l'elezione del segretario provinciale del PD di Cosenza, alla presenza del garante della federazione Filippo Mazza, il dibattito è stato lungo ed approfondito, le prime impressioni che sono emerse da parte di tutti i presenti sono state la preoccupazione che i cittadini possano vedere l'accordo sul segretario unitario, come un accordo dettato esclusivamente dai vertici romani e basato su questioni di comodo, naturalmente la valutazione finale risulta essere positiva sperando che l'accordo possa essere finalizzato esclusivamente verso l'interesse del partito in modo da poter favorire una ripresa in termini elettorali e per poter avere più forza nelle continue iniziative a favore dei cittadini. La presenza di una componente attiva a favore dell'area che fa riferimento a Carlo Guccione e di una vicina ad Oliverio e Guglielmelli ha portato come esito una votazione nettamente favorevole al segretario uscente, con il risultato di 40 voti per Luigi Guglielmelli e 7 voti per Angela Donato. Come delegato all'assemblea provinciale e stato eletto Pasquale Gentile.

Durante lo svolgimento del congresso sono stati trattati diversi tempi che riguardo impellenti necessità del territorio e sono emerse tante riflessioni che riteniamo rendere pubbliche:

Spesso ci ritroviamo di fronte ad un partito che ci disorienta e che agisce in modo inspiegabilmente autolesionista rispetto alla nostra umile concezione di vedere la politica in modo lineare ed impegnata a raggiungere degli scopi semplici e chiari, come il raccoglimento del consenso popolare attraverso un lavoro costante e trasparente, da svolgere sul campo e nei territori, per perseguire l'interesse dei cittadini;

Qui risulta la presenza di un grave scollamento tra il partito ed i cittadini, che si potrebbe attribuire anche ad una legge elettorale che continua a perseverare verso le liste bloccate e l'impossibilità di esprimere delle preferenze, dalle nostre parti è evidente la mancanza di azioni concrete soprattutto riguardo la questione del lavoro giovanile la quale sta irreparabilmente distruggendo il tessuto sociale di queste aree, le quali sono sottoposte a continui esodi alla ricerca di un minimo di lavoro onesto ed adeguatamente retribuito;

Ci proponiamo, tra i nostri obbiettivi, anche di poter valutare ed avviare al più presto l'iter per realizzare l'unione dei comuni dell'area, al fine di poter continuare a vivere in modo dignitoso e di attuare un potenziamento dei servizi e tante altre iniziative a favore dei cittadini;

Da persone rispettose della nostra appartenenza politica e che hanno accolto con grande ottimismo l'elezione del segretario Matteo Renzi, il quale si è ritrovato costretto a dimettersi da presidente del consiglio, nonostante la dovuta stima nei confronti di tutti i nostri rappresentanti politici, ci ritroviamo molto spesso in difficoltà a dover difendere certe azioni politiche e certi atteggiamenti che non riusciamo a comprendere, per noi militanti di partito la lealtà politica si deve prima di tutto agli ideali ed a quello che le persone si attendono da un partito democratico di centro-sinistra e per questo motivo pensiamo che sia giusto dare più importanza al programma ed alle azioni piuttosto che avere degli idoli politici da sostenere sempre e comunque vada;

Da un Matteo Renzi ci attendiamo un modo di agire deciso, ma allo stesso tempo rispettoso verso le diverse sfumature del partito, un atteggiamento da leader vicino alla gente e che segua un percorso chiaro e lineare, verso azioni di sviluppo concrete, produttive e durature per il nostro paese.

Alla base del discorso di carattere nazionale si inquadra anche l'aspetto regionale, per il quale si nutre speranza verso una serie di iniziative già sottoposte all'attenzione del governatore Mario Oliverio, il quale finora ha fornito supporto e messo campo dei progetti in campo agricolo-forestale fortemente voluti dai giovani e disoccupati di queste aree i quali hanno attuato nei mesi scorsi diverse iniziative supportate dalla CGIL.

Nella speranza che si possa dare al più presto concretezza alle suddette iniziative, si sollecitano fortemente delle azioni risolutive per poter colmare le grosse lacune esistenti in modo rapido è decisivo, prima tra tutte la questione della sanità che in queste aree periferiche, sono ormai diventate l'incubo di tutti i cittadini i quali rischiamo giornalmente di patire conseguenze irrimediabili per la notevole distanza con gli ospedali più vicini, un forte sollecito arriva anche per la realizzazione di una adeguata viabilità e per la questione scuola.

Ci si concede con la programmazione di alcune iniziative politiche anche a carattere territoriale che verranno promosse nei prossimi giorni dal circolo PD di Campana e che riguarderanno le questioni suddette con la presenza di esponenti politici del territorio e consiglieri regionali" afferma Mimmo Lerose, Segretario PD di Campana (CS).