Cosenza
 

Fusione Rossano-Corigliano, Meringolo e Roma (Psi) “Una scelta coraggiosa che guarda al futuro”

"Il risultato del Referendum di ieri in merito alla fusione Corigliano - Rossano, che ha registrato la netta vittoria del SÌ in entrambi i comuni, rappresenta una bella novità nel futuro assetto istituzionale per il Basso Jonio cosentino e per l'intera Regione Calabria".

É quanto si legge in un comunicato congiunto a firma di Francesco Meringolo e Scipione Roma, rispettivamente responsabili Nazionali PSI per il federalismo regionale e per la Comunicazione.

"I cittadini ci guadagneranno in termini di minore burocrazia, minori costi e migliori e maggiori servizi, con uffici decentrati che potranno comunque rimanere in ambedue i paesi. Si fondono non due comuni finti, come tanti ne sono stati inventati anche in un recente passato, ma due borghi storici. Per questo la scelta è ancora più importante e siamo contenti che avvenga nel cuore della sibaritide".

"Certo avremmo preferito che anche Sibari avesse partecipato a questo importante appuntamento referendario, considerando la trentennale battaglia portata avanti anche dai Parlamentari Socialisti per l'istituzione di una nuova Provincia della Sibaritide. Il nostro auspicio è che questo primo, importante passo verso la creazione della terza città della Provincia, possa essere da esempio per le altre realtà del circondario, a partire dai piccoli centri. La sfida è la salvaguardia delle identità e delle radici socio-culturali: lo si può fare con un percorso virtuoso, che con le maggiori risorse a disposizione, riveda sia le categorie che le strutture territoriali, con nuove Istituzioni che sostengano la crescita e che supportino le imprese, anche con lo snellimento delle procedure burocratiche".

Il Partito Socialista è da sempre favorevole alla fusione dei Comuni. Il Segretario nazionale e vice Ministro Riccardo Nencini- lo ha ribadito nel corso dell'ultimo Congresso Nazionale a Roma e di recente ad Orvieto, dove la proposta è stata oggetto dei tavoli tematici che hanno coinvolto gli amministratori locali.

"La prossima legislatura dovrà: favorire fusioni tra comuni; rivedere l'assetto istituzionale, partendo da città metropolitane elette direttamente dai cittadini; istituire Macro Regioni. La sfida è creare le città del futuro (smart city) e i cittadini di Rossano e Corigliano l'hanno capito prima di altri" - concludono i due esponenti Socialisti.