Cosenza
 

Aprigliano (Cs), Forciniti (M5S): “Provincia condanna cittadini all’isolamento, si torni al più presto a garantire diritto alla mobilità”

"In un Paese civile, quando un gruppo di cittadini segnala agli enti preposti la pericolosità di un tratto di strada, raccogliendo decine di firme per chiedere degli interventi di manutenzione, le Istituzioni dovrebbero muoversi prontamente per metterlo in sicurezza.

Secondo la Provincia di Cosenza, invece, in questi casi la soluzione è quella di "tagliare la testa al toro", chiudendo la strada in questione, e "punendo" così quei cittadini che avevavo osato reclamare i propri diritti attraverso una petizione popolare.

E' questo ciò che è accaduto in Sila, ad Aprigliano, laddove l'ente provinciale ha chiuso al traffico la SP 216 (Longitudinale Ampollino) dal km 0 al km 22+300, perché questa, leggendo dalla stessa ordinanza di chiusura, "presenta in vari tratti del suo tracciato un diffuso degrado della pavimentazione, insufficiente segnaletica orizzontale e numerosi elementi di protezione ormai fatiscenti".

I cittadini chiedevano da lungo tempo interventi risolutivi, dal momento che la SP 216 "solca in lungo una grossa parte dell'altopiano silano, costeggiando anche il lago Ampollino, possibile meta turistica e bellezza naturale che, in un momento economico così delicato, non può essere abbandonato e ridotto ai minimi termini". Per tutta risposta, l'unico provvedimento che hanno ottenuto è stata la chiusura della strada stessa, che in pratica li condanna all'isolamento, rendendo di fatto impossibile anche l'approvvigionamento di beni di prima necessità e il trasporto dei prodotti agricoli prodotti nella zona. Oltre al danno la beffa!

Situazioni simili si verificano purtroppo senza soluzione di continuità su tutto il territorio della Provincia, dalla Sila allo Ionio: giusto per fare un paio di esempi, la SP 260 Terravecchia-Cariati è ormai interdetta al traffico da oltre dieci anni, e la SP 200, che collega Mandatoriccio, Scala Coeli e Campana, versa in condizioni indecorose.

Il fatto che le Istituzioni chiudano le strade anziché renderle percorribili è una sconfitta per lo Stato. E' opportuno provvedere immediatamente alla messa in sicurezza della SP 216 e alla sua riapertura. Non è accettabile che non si trovino le risorse per dei normali interventi di manutenzione nella Regione dei tanti sprechi, delle molte opere incompiute, dei rimborsi d'oro ai consiglieri regionali". Lo afferma Francesco Forciniti – Portavoce M5S alla Camera dei Deputati.