Cosenza
 

Cassano All’Ionio. Il Centro Studi “Giorgio La Pira”presenta un monologo sulla vita, la figura e l’opera del “sindaco santo” di Firenze

Il prossimo 18 ottobre, alle ore 19, il Centro Studi "Giorgio La Pira" della città delle terme, nella splendida cornice del Cortile del Palazzo Vescovile di Cassano All'Ionio, presenterà un monologo sulla vita, la figura e l'opera del "sindaco santo" di Firenze, il Venerabile Giorgio La Pira. Presenzierà il Vescovo della locale Diocesi, Mons. Francesco Savino.
Ad interpretarlo sarà il giornalista Francesco Garofalo, attuale Presidente del Centro La Pira. La serata, sarà allietata da intermezzi musicali a cura dell'Associazione "The Voice of Soul", composto da giovani talenti della città di Cassano. Si propone una lettura recitata dagli scritti di Giorgio La Pira, profeta di speranza.
Un momento, non solo per conoscere più a fondo Giorgio La Pira, siciliano di nascita, ma anche e soprattutto, teso alla formazione delle coscienze, perché uomini e donne non si rassegnano alle difficoltà di questo tempo.
Il monologo racconta la storia di un grande uomo del secolo scorso, che ha caratterizzato profondamente il corso della politica italiana ed internazionale. Uomo di politica sana e genuina, è ricordato per il suo forte legane con i più poveri, deboli ed indifesi, un uomo per la pace tra i popoli.

"Mi ha colpito molto pensare che proprio in Europa si alzano muri, presentiamo questo monologo su un personaggio che tanto si è impegnato nella costruzione di ponti tra i popoli, persone, realtà. La Pira, - afferma Francesco Garofalo -, deve parlare molto anche agli uomini del nostro tempo. La Pira deve diventare esempio e monito anche per la società di oggi, frammentata, dove i valori per molti sono diventati un optional.
Dai suoi gesti significativi emerge una politica stranamente non fatta di lucri, secondi fini e inganni, ma semplicemente a misura d'uomo. A fianco degli ebrei, così come vicino a famiglie sfrattate e agli operai licenziati, il "Sindaco santo" emerge in tutta la sua umanità ricca e coraggiosa, alimentata dalla forte e profonda fede. Indicato da Papa Francesco come un modello da imitare per tanti impegnati in politica ed amministratori".