Cosenza
 

Gli operatori del Consorzio Operatori turistici Diamante e Riviera dei Cedri incontrano l’assessore Musmanno

Grande soddisfazione della delegazione di cittadini, di operatori del Consorzio Operatori turistici Diamante e Riviera dei Cedri, rappresentata da Franco Magurno e Mauro Gimigliano, presente anche Ettore Simone Durante, promotore dell' iniziativa per la fermata dei Frecciabianca a Scalea, che nella mattinata del 6 novembre, ha incontrato l'Assessore ai Trasporti della Regione Calabria Prof. Roberto Musmanno per manifestare ancora una volta le istanze della Riviera dei cedri sul tema dei trasporti. L'incontro si è svolto all'insegna della massima cordialità e disponibilità dell' Assessore Musmannoal quale va tutto il plauso dell'intera delegazionedi cittadini e operatori turistici. Al termine dell' incontro, durante il quale l'AssessoreMusmanno ha spiegato tecnicamente e nel dettaglio alcune problematiche del servizio dei trasporti ferroviario e su gomma della Regione Calabria e della Riviera dei Cedri, è statoconsegnato da parte della delegazione, un documento di quattro pagine con all'interno una serie di proposte, tutte a costo zero, verso le quali l'Assessore a prestato massimo interesse e attenzione.Il documento consegnato all'Assessore tratta sostanzialmente le percorrenze a distanza breve, media, e lunga nonché la cura delle stazioni.La più attenzionata è la percorrenza media nella quale è stato ribadito ancora una volta la necessità per l'intera Riviera dei Cedri di garantire a Scalea la fermata dei Frecciabianca, proponendo la rimodulazione degli orari e tempi di percorrenza che rappresenterebbe la vera svolta, come già ribadito da tempo, permettendo così di raggiungere Roma in meno di tre ore. Allo stato attuale l'unica soluzione auspicabile nel breve periodo è quella di rimodulare le coincidenze a Paola con i treni da Cosenza per Reggio C.le, per cui si è proposto organizzare gli orari in maniera tale da permetter una coincidenza di almeno 15 minuti contro i pochi minuti attuali.

Le proposte fatte sono andate nello specifico indicando con esattezza le corse, che in alcuni casi addirittura partono prima rispetto all'arrivo del treno in coincidenzaPer quanto riguarda invece la lunga percorrenza al momento gli unici convogli diretti a Milano/Torino che fermano nelle principali città italiane sono gli Intercity Night 794/795 per cui non risultano esserci altre alternative.

Le fermate più vicine sarebbero ancora una volta quelle di Sapri e di Paola. Purtroppo gli orari di una eventuale fermata a Scalea non sono dei migliori ma essendo gli unici convogli che consentirebbero un collegamento notturno e diretto con le principali città italiane quali Napoli, Roma, Firenze, Prato, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma, Piacenza, Vercelli, Novara e trattandosi di un servizio universale, abbiamo fatto notare che sarebbe opportuna anche una fermata a Scalea. Per quanto riguarda il trasporto regionale, in modo particolare il collegamento con l' Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme, non si può non constatare che la Riviera dei Cedri è stata gradualmente isolata poiché al momento non vi è alcun tipo di collegamento Regionale diretto per l' Aeroporto né su rotaia nè su gomma.

La proposta a riguardo contempla la rivisitazione di orari e fermate di treni, regionali o interregionali, alcuni dei quali afferenti al capitolo trasporti della Regione Campania utilizzati in virtù di accordi Stato-Regioni. L'attenzione si è poi soffermata sulla questione dell' incuria e dei disservizi delle stazioni su tutta la tratta della Riviera dei Cedri, quasi ovunque la chiusura dei bagni, la mancata illuminazione ed il non funzionamento dei monitor di arrivo/partenza dei treni. In particolare negli ultimi giorni desta particolare preoccupazione la probabile chiusura della biglietteria di Scalea, l'unica rimasta nell' intero territorio da Maratea a Paola! Si ricorda infatti che alcuni servizi possono essere effettuati esclusivamente dalle biglietterie delle stazioni, come ad esempio i biglietti scontati del 70% per le elezioni, i rimborsi per i mancati resti delle biglietterie automatiche, spesso parzialmente o non del tutto funzionanti ed i cambi di biglietto in caso di ritardo dei treni passato l'orario di partenza.In conclusione ci auguriamo di vedere presto realizzate le nostre proposte, alcune delle quali potrebbero andare anche aldilà delle più rosee aspettative, al momento si mantiene un sostanziale positivismo, continuando ad essere operativi e vigili, in attesa della firma del contratto di servizi tra Regione e FFSS, con il quale si potranno rendere operative le proposte presentate.