Cosenza
 

Corigliano-Rossano (Cs), Bevacqua: "Comunali, serve cambio di rotta nel Pd"

La pluralita' del dibattito cui ho partecipato, mi ha consentito di constatare quanto e come il gruppo si stia impegnando per garantire un progetto serio e coerente nonche' un iter trasparente in vista delle prossime elezioni amministrative che si terranno nel Comune unico". Lo ha affermato, e' scritto in una nota, il consigliere regionale del Pd Domenico Bevacqua partecipando ad un incontro a Corigliano-Rossano, promosso da Zonadem dal titolo "La citta' che vogliamo" in vista delle prossime e oramai imminenti elezioni comunali.

"Ritengo - ha aggiunto - che la qualita' e la consistenza sempre piu' ampia del gruppo politico-culturale che si sta strutturando sul territorio siano essenziali per valorizzare a pieno tutti quei liberi cittadini che rifiutano le logiche spartitorie e di conta delle tessere tuttora dominanti nel Pd locale. Se il partito continuera' a illudersi di poter garantire le rendite di posizione, castrando e ponendo ai margini le forze piu' innovative, si votera' all'ennesima sconfitta, in nome della conservazione del passato. Obiettivo di Zonadem e' spingere apertamente e pubblicamente il Pd ad avere entro fine anno un segretario che venga fuori da un congresso realmente partecipato, considerando anche l'opportunita' di indire delle primarie aperte. Il partito deve essere capace di dialogare, interagire e rendere protagoniste quelle competenze e quelle volonta' di pulizia senza le quali non c'e' possibilita' di condurre la battaglia nuova e concretamente diretta a spazzare via la palude dello sconforto e della rassegnazione". "Il nuovo Comune unico - ha concluso Bevacqua - racchiude in se' potenzialita' di livello regionale che, per la loro attualizzazione, necessitano del meglio che possono esprimere individui, associazioni e movimenti. Zonadem continuera' a promuovere una serie di iniziative sui temi nevralgici per lo sviluppo socio economico della nuova citta', cosi' come proseguira' nel suo intento di mobilitare le forze migliori, sane, attive. Il Pd puo' decidere con coraggio di scommettere sul futuro, oppure puo' continuare a riproporre vuote liturgie e condannarsi all'estinzione".