Cosenza
 

La calabrese Saladino candidata alla segreteria del Pd: "Basta tatticismi, voglio congresso vero"

saladinomaria"Basta con i tatticismi, voglio un congresso vero, ce lo chiede il senso di appartenenza ai valori fondanti dell'unico partito paese, per cultura e storia, ed, a gran voce, la Gente del Partito Democratico. Chiedo desistenza, chiedo di archiviare la stagione dei tatticismi che tanti danni ha fatto, sostituendo uomini, donne e cose che fino ad oggi hanno portato il partito della gente alla possibile estinzione, sperando che non sia questo il progetto/disegno. È estenuante per il nostro popolo, stiamo continuando ad aprire autostrade al populismo più becero e autoritario, questa generazione ha bisogno di dignità ed io oggi, rappresento, l'unica possibilità reale per arginare un vento che diversamente, travolgerà l'Italia". E' quanto scrive Maria Saladino, Candidata a Segretario Nazionale PD.

36enne originaria di Castrovillari è l'unica donna in corsa, iscritta al Partito democratico dal 2014, è già stata candidata alle ultime elezioni europee nel Collegio Italia Meridionale e ha raccolto in quella occasione oltre 25 mila preferenze.

"Il congresso deve essere discussione dei territori, scelte di volontà, tra teste pensanti e non comunicazione tra ricetrasmittenti ormai vecchie e stantie, oggi tizio si, anzi no, domani caio, anzi, poi sempronio, tattiche di correnti che hanno stancato la gente, pensiamo agli italiani a cui dovremo rivolgerci tra non molto. Deduco stiate lavorando a progettare maggioranza ed opposizione, nel PD, per i prossimi anni, forse anche alleanze con nuovi soggetti da creare, ma vi sfugge che rischiate di macchiare il futuro di una generazione e di quelle che verranno: saremo destinati ad essere moderni partigiani? Sarebbe un grande onore ma non lo meritiamo. Ora basta, il nemico non è all'interno del PD, sicuramente la mia generazione lo sconfiggerà facendo squadra con convinzione. Il partito democratico non può permettersi più distrazioni per studiare quale poltrona incollarsi bensì deve dare soluzioni a temi per renderci competitivi contro chi, sta portando l'Italia alla recessione ideologica, politica, economica rendedola fanalino dell'Europa, unione dentro la quale batterci, affinché diventi dei Popoli e non strumento da distruggere, opportunità e non difetto. Rinsavite, non potete più sbagliare verso il nostro popolo".