Cosenza
 

Il sindaco di Saracena il 22 febbraio alla Camera per l’incontro Anci “Lo stato dei beni comuni”

«I Comuni sono le istituzioni più vicine ai cittadini. Forniscono tra non poche difficoltà servizi essenziali e contribuiscono alla gestione dei nostri beni comuni. Proprio su quest'ultimo tema è importante tenere alta l'attenzione perché mette al centro i bisogni quotidiani delle persone e la vita della comunità». Così dalla sua pagina Facebook il presidente della Camera Roberto Fico nei giorni scorsi aveva annunciato l'incontro con i sindaci a Montecitorio sul tema dei beni comuni.

L'appuntamento, al quale parteciperà il Sindaco di Saracena Renzo Russo, si terrà domani venerdì 22 febbraio, alle ore 11, presso l'Aula della Camera dei deputati ed ospiterà sindaci e rappresentanti dell'Anci per l'evento "Lo Stato dei beni Comuni". Ad aprire l'iniziativa sarà il Presidente della Camera dei deputati Roberto Fico. Chiuderanno il Presidente dell'Anci Antonio Decaro e il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte. Dopo il saluto introduttivo da parte del Presidente Fico, prenderanno la parola i sindaci Chiara Appendino (Torino), Giovanni Arena (Viterbo), Alessandro Canelli (Novara), Massimo Castelli (Cerignale, Pc – Coordinatore nazionale Piccoli Comuni Anci), Mario Conte (Treviso), Antonio Cozzolino (Civitavecchia), Alessandro Fucito (Presidente del consiglio comunale di Napoli e Coordinatore conferenza nazionale dei consigli comunali Anci), Francesco Italia (Siracusa), Dario Nardella (Firenze), Mario Occhiuto (Cosenza), Antonio Ruggiano (Todi), Manuela Sangiorgi (Imola) e Maria Scardellato (Oderzo, Tv). L'evento sarà trasmesso in diretta, a cura di Rai Parlamento, su Rai2, sul canale satellitare e sulla webtv della Camera a partire dalle ore 11.

«Partecipiamo - ha dichiarato Russo - nella piena convinzione che le municipalità, soprattutto quelle piccole, sono davvero l'unico baluardo democratico a servizio dei cittadini, per ascoltare e rispondere alle esigenze e alle emergenze che il tempo ci impone. E' con questo spirito che abbiamo deciso di candidarci ed amministrare la nostra comunità, nel pieno rispetto delle diversità ma con l'attenzione specifica ai bisogni quotidiani delle persone e alla vita della comunità».