Cosenza
 

Roseto Capo Spulico ospita oggi il quarto Villaggio con i produttori

Sotto i migliori auspici, quelli del numero otto così caro anche al poliglotta ed illuminato Federico II di Svevia che ne lasciò traccia e messaggio in tutti i 200 castelli da lui commissionati, ispirati e disseminati in tutto il Sud, a distanza di 21 anni dalla sua nascita tra le otto torri della cittadella fortificata medioevale di Cariati, sarà ancora una volta Roseto Capo Spulico, tra i borghi autentici d'Italia, città delle ciliegie e sede di uno dei più affascinanti lasciti non solo architettonici dell'Imperatore Stupor Mundi ad ospitare oggi, giovedì 22 agosto, la quarta edizione consecutiva del Villaggio estivo delle Identità e delle Eccellenze di Otto Torri sullo Jonio.

Dal miele all'olio extravergine d'oliva, dall'origano al succo di clementine bio, dai liquori alla ciliegia ai formaggi, dal pane ai dolci della tradizione, passando dalla birra artigianale al Moscato di Saracena – Presidio Slow Food fino al Suino Nero di Calabria. Dall'estate del 2016 centinaia di piccoli produttori sono stati e saranno, anche nell'edizione 2019, i veri protagonisti con le loro storie, i loro sapori, la loro capacità di emozionare e con la condivisione di un valore aggiunto: quello del ritorno alla terra, della qualità, della eco-sostenibilità e della sovranità alimentare come chiave di lettura di un'altra economia. – L'appuntamento è in Piazza Azzurra, dalle Ore 19, sul Lungomare degli Achei.

Dalla salute dei bambini dipende la salute dei territori, dell'Italia e del Pianeta. – Coordinati da Lenin Montesanto Direttore di Otto Torri sullo Jonio, al tradizionale dibattito pubblico che aprirà il 4° villaggio dei produttori, insieme al Sindaco di Roseto Rosanna Mazzia, interverranno anche Viviana Salmena, Biologa Nutrizionista delle Terme Sibarite di Cassano J., Roberto Matrangolo Portavoce della Comunità Slow Food Arberia cosentina, la pediatra Carmela Maradei, Paola Granata Presidente di Confagricoltura Cosenza, Tommaso Figoli in rappresentanza di Primaevitas, progetto sperimentale del Frantoio Figoli per un extravergine destinato ai bambini nato in collaborazione con una spin-off dell'Unical, Marina Smurra del Consorzio Siciliano Le Galline Felici, Cesare Anselmi Segretario Condotta Slow Food Pollino Sibaritide Arberia, Nadia Viola, Cardiologa Ospedale Castrovillari e Giuseppe Sarandria del Dipartimento Ispettorato centrale tutela qualità e repressione frodi prodotti agroalimentari/MIPAAFT. – Con il patrocinio dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) – Calabria presieduta da Gianluca Callipo, l'evento è promosso da Otto Torri sullo Jonio con l'Amministrazione Comunale. Supportano l'iniziativa il progetto Nostos – Marcatori identitari per i turismi, la Comunità Slow Food per la valorizzazione dell'identità enogastronomica arbëreshë cosentina e la rete territoriale Siamo tutti co-produttori promossa da Otto Torri sullo Jonio in collaborazione con la Condotta Slow Food Pollino Sibaritide Arberia.

Tema e questione al centro, dal 1998, dell'attività di promozione culturale territoriale di Otto Torri sullo Jonio, dal cui sodalizio è nata nel 2012 anche la Condotta Slow Food Pollino Sibaritide Arberia, l'educazione e la sovranità alimentare e lo slow food (il cibo buono, pulito e giusto) hanno fatto da cornice a tutte e tre le passate edizioni 2016, 2017 e 2018 del partecipatissimo Villaggio dell'Identità e delle Eccellenze, impreziosito anno dopo anno da chef impegnati contro lo spreco alimentare come Francesco Mazzei; da esperienze di successo mondiale come quella del Vecchio Magazzino Doganale di Ivano Trombino col famosissimo Amaro Jefferson; da rappresentanti istituzionali, sociali ed imprenditoriali di tutto il Sud e da artisti nazionali ed internazionali come la celebre interprete québécoise della chanson francese Mademoiselle et son Orchestre.