Crotone
 

Legalità: sottoscritta intesa in Prefettura a Crotone

È stato sottoscritto, nella Prefettura di Crotone, l'intesa di legalità per la prevenzione dei problemi di infiltrazione della criminalità nel settore degli appalti pubblici e delle concessioni di lavori pubblici, per la prevenzione dei fenomeni di corruzione e per l'attuazione della trasparenza amministrativa. Ne dà notizia un comunicato diffuso dalla Prefettura. "Il documento, che declinazione a livello territoriale della direttiva del Ministro dell'Interno del 23 giugno 2010 relativo ai controlli antimafia preventivi nelle attività a rischio di infiltrazione da parte della criminalità organizzata nonché delle Linee Guida del 15 luglio 2014 per l'avvio di un circuito collaborativo tra Anac, Prefetture e stazioni appaltanti - si aggiunge nella nota - è stato sottoscritto dalla Prefettura, dalla Provincia di Crotone e da numerosi locali del territorio provinciale.

L'intesa, l'intervento della preminente interesse per la sicurezza e la protezione degli affari pubblici, si pone l'obiettivo di valutare i dati e le informazioni di controllo in tema di cautele antimafia. Con la sottoscrizione odierna le amministrazioni sono impegnano a fare le verifiche antimafia, nella forma più rigorosa delle informazioni al prefetto, anche per i contratti usati per limiti di rendimento, come per le soprasoglia che sfuggono, secondo la normativa vigente, dalle valutazioni antimafia . Contestualmente gli enti locali, allo scopo di prevenire interferenze illecite di matrice corruttiva, si impegna ad un costante monitoraggio delle imprese aggiudicatarie dei contratti pubblici e ad inserire nei contratti delle clausole risolutive per il caso in cui emergano manifestazioni di condotte di corruttela sull'esecuzione dell'appalto "." Il protocollo persegue, infine - concludere il comunicato - l'obiettivo di incrementare la trasparenza nel settore degli appalti. In questa ottica gli enti firmatari sono onerati del controllo della regolarità contributiva e retributiva delle aggiudicatarie e della verifica delle condizioni di lavoro ".