Regionali, Zingaretti in Calabria: “Pippo Callipo è pezzo da novanta, con sua candidatura messaggio di speranza e legalità"

callipo visita zingarettiC'e' bisogno di un forte governo calabrese che difenda questa terra. A pochi giorni dalla presentazione delle liste, v'e' la possibilita' di riaccendere la speranza e guardare al futuro. I prossimi anni in Italia saranno duri ed una comunita' che va divisa perde". E' quanto affermato dal segretario del Pd, Nicola Zingaretti, in visita a Maierato, in provincia di Vibo Valentia, allo stabilimento di Filippo Callipo, candidato del Partito Democratico per la corsa alla presidenza della giunta della regionale calabrese.

"Consiglio ai calabresi di mettere sul ring un pezzo da novanta che sa combattere le sue battaglie per i calabresi. I calabresi devono essere piu' coscienti della loro forza per amore della stessa Calabria. Ringrazio, inoltre, Maurizio Talarico, un galantuomo che si era messi a disposizione".

Maurizio Talarico, imprenditore calabrese nel settore delle cravatte con attivita' a Roma, aveva nelle scorse settimane avanzato la propria candidatura con il Pd per poi fare un passo indietro e da qui il ringraziamento da parte di Nicola Zingaretti.

"Dobbiamo voltare pagina. In Calabria ora e' il tempo del lavoro e del riscatto. Nel mondo tantissimi figli di questa terra stanno creando ricchezza e prosperita' e questa credo sia una grande forza che rappresenta la novita' di una personalita' come Pippo Callipo che e' il simbolo di questa terra e di chi ha scelto di rimanere qui per creare ricchezza e lavoro Callipo - ha aggiunto Zingaretti - non e' il candidato del Pd, e' un candidato che sosteniamo perche' aderiamo alla sua idea di allargare il piu' possibile il campo e per garantire alla Calabria un futuro di crescita, di sviluppo, di lavoro e di legalita'. Questo penso sia un segnale da raccogliere".

 

 "Oliverio? E' da mesi che gli chiedo di aiutarci"-"Per quanto riguarda Mario Oliverio io sono mesi, anche con diversi incontri personali, che gli chiedo di aiutarci, di aiutarci a vincere, perche' il problema non e' Tizio, Caio o Sempronio, ma quello di creare le condizioni di allargare il campo e di mettere in campo una proposta credibile, che ora intorno a Callipo e' possibile. Quindi io rinnovo la richiesta con lo stesso spirito di collaborazione fra tutte le forze che si oppongono alle destre di unirsi rispetto ad una personalita' di cui forse i calabresi non si rendono conto, ma rende orgogliosa la Calabria in tutta Italia e in tutto il mondo. E' la carta vincente.

L'appello che faccio a Mario Oliverio ed a tutte le forze che sostengono il Governo - ha dichiarato ancora il segretario del Pd - e': questa volta non possiamo regalare questa terra bellissima al rischio del degrado. Ci sono tante personalita', a me ha colpito molto quella di Nino De Masi, altro grande imprenditore calabrese simbolo dell'antimafia che ha detto una cosa semplice: Salviamo la Calabria, mettiamo da parte gli egoismi, i personalismi. E' il tempo delle scelte e sostenendo Callipo ha dato un segnale di speranza, quindi mi auguro che tutti prendano atto di questa consapevolezza. Quel che e' certo - e' che il simbolo del Partito Democratico sara' accanto al nome di Callipo perche', ripeto, quello che e' in gioco e' il futuro di questa terra. Callipo e' l'unica possibilita' in questo momento che puo' rappresentare l'unita' e la forza dei calabresi".

Viscomi: "Presenza Zingaretti è punto di svolta"- "La presenza del segretario nazionale del Partito democratico Nicola Zingaretti, arrivato in Calabria per incontrare e presentare la candidatura di Pippo Callipo alla presidenza della Regione Calabria, segna un punto di svolta nel percorso di ricostruzione della comunita' democratica, impregnato di una forte carica simbolica". Lo afferma in una nota il deputato del Pd Antonio Viscomi. "Quasi creando un ponte ideale con la grande manifestazione sindacale di maggio a Reggio Calabria - prosegue - il segretario dedichera' infatti un tempo significativo della sua giornata calabra per incontrare, nello stabilimento produttivo, i lavoratori e poi pure i sindacati, a ribadire in modo evidente la centralita' del lavoro e di chi lavora come valore essenziale del Pd e azione prioritario per la nostra regione. E dedichera' poi un altro tempo a presentare la candidatura di Callipo e l'impegno per la rigenerazione del partito nella prospettiva del campo largo aperto alla societa' civile. Purtroppo l'impegno in aula determinato dai tempi lunghi della fiducia richiesta dal governo, la cui procedura e' iniziata con il primo voto alle 19 di ieri giovedi' e finira' con l'ultimo voto alle 18 di oggi venerdi', mi impedisce di essere presente in Calabria. Ma saro' idealmente accanto ai tanti uomini e alle tante donne democratiche che nell'incontro con Nicola Zingaretti troveranno ragioni e passioni per portare avanti un progetto politico popolare che consenta di contrastare l'iniziativa populista che ogni giorno che passa rivela il suo vero volto e che proprio per questo richiede l'auspicabile unita' dei partiti e dei movimenti di centrosinistra". 

Zingaretti è poi intervenuto anche sulla protesta dei migranti stamane al Porto di Gioia Tauro: "Il porto di Gioia Tauro non puo' e non deve essere occupato. Le rivendicazioni dei diritti - ha affermato Zingaretti - devono essere rispettose delle leggi dello Stato. Si sta lavorando in queste ore affinche' non si generino conflitti sbagliati sul territorio".

"O noi li mettiamo al centro gli interessi di chi lavora, produce e lotta per la legalita' in questa terra o non ce la faremo mai. Il mio e' un appello non da segretario del Pd ma da persona che ama la Calabria: difendetela, difendetela dal rischio che venga usata per giochi politici che con questa terra non c'entrano niente. Per fare tutto cio' - ha aggiunto il segretario del Pd - bisogna avere il coraggio di scegliere. D'altronde Callipo e' un imprenditore che avrebbe potuto fare il suo lavoro e basta, ma ha reagito. Noi dobbiamo reagire con lui e sostenerlo in questo grande impegno per la regione".

"Non gioco dentro le vicende che riguardano altri partiti - ha detto ancora Zingaretti - ma ritengo che Callipo possa riorientare tantissime persone, al di la' dei loro convincimenti politici. Ho visto che ci sono state delle critiche, ma questo e' legittimo. Si e' detto che non e' chiara la sua collocazione politica, che 'e' un uomo di destra, di centro...'. E' esattamente la persona di cui c'e' bisogno: di una persona che metta in discussione anche le appartenenze e che vada a ricostruire una proposta civica per amore della Calabria. In questa circostanza voglio ringraziare Maurizio Talarico, un galantuomo, una persona che rispetto molto e che ringrazio per come si e' comportato in questo passaggio".

"Sulla prescrizione abbiamo in corso una lavoro positivo. Bisogna avere fiducia, Il Pd e' in tutta Italia, oggi siamo in Calabria, per costruire una speranza contro il rischio delle destre. C'e' da lavorare. Meno polemiche e piu' concretezza".

Allo stabilimento si è festeggiato con torta e spumante l'onomastico di Nicola Zingaretti.

"Abbiamo voluto - ha detto Pippo Callipo - che Nicola Zingaretti festeggiasse l'onomastico insieme a noi in un ambiente familiare. La sua visita e' importante e conferma che noi calabresi siamo bravissimi e dobbiamo avere la possibilita' di vivere nella legalita'. Ai nostri figli dobbiamo poter dire: 'io resto in Calabria'". "Dico grazie a Callipo - ha detto Zingaretti - per la sua scelta e per il messaggio di speranza e legalita' che con la sua candidatura ha inteso lanciare. Sapevo che e' una grande persona e oggi ho preso coscienza del fatto che e' anche un uomo straordinario che con la sua famiglia e il suo lavoro ha reso la Calabria e l'Italia molto orgogliose. L'azienda Callipo e' una delle esperienze produttive che ci fanno onore e lo dico anche da consumatore dei suoi prodotti. Spesso si parla male della Calabria e la si guarda solo per le cose negative. E' giusto avere coscienza di questo. Quello che non possiamo permettere a nessuno e' di distruggere la speranza".