Reggio Calabria
 

Il 21 ottobre la presentazione dell’Istituto di terapia Familiare di Reggio Calabria - Messina

Sarà una intensa giornata di lavoro quella che l'istituto di Terapia Familiare di Reggio Calabria e Messina si accinge a vivere sabato 21 ottobre p.v. allorquando sarà presentato, presso la sede sita in via Domenico Tripepi n°9 (accanto alla villa comunale), il terzo seminario di presentazione sul tema "La cura dei legami familiari", aperto alla partecipazione di medici, psicologici, psicoterapeuti, avvocati, assistenti sociali, insegnanti, sociologi, pedagogisti, nonché a studenti iscritti in psicologia, medicina, giurisprudenza e scienze dell'educazione.
La tematica è quanto mai attuale. La forma della famiglia oggi è cambiata, sempre più declinata al plurale, ma rimane immutato il valore simbolico del legame familiare. Quali sono le condizioni e i contesti che possono generare sofferenza durante il ciclo vitale di una famiglia fino a sollecitare una richiesta di aiuto psicologico? In che modo è possibile prendersi cura dei legami e delle storie familiari, senza trascurare i bisogni evolutivi dei singoli membri della famiglia? Ecco il seminario intende favorire un confronto su questi temi, portando l'attenzione sulle risorse della psicoterapia familiare e relazionale secondo il modello sistemico. Attraverso la visione di filmati e video di incontri terapeutici, saranno presentati metodi e strumenti dell'approccio clinico dell'I.T.F.

Al Seminario interverranno l'avv. Alessandro Sentina, legale rappresentante dell'ITF Reggio e Messina e la dott.ssa Sonia Pizzoleo, Direttrice dell'ITF RC-ME.
L'Istituto, di recente costituzione nelle città dello Stretto, nasce dalla collaborazione, ormai ventennale, tra ITF Firenze e IMePS di Napoli, entrambi sedi di Scuole di Specializzazione sistemico-relazionali riconosciute dal MIUR e soci fondatori, insieme ad altre Scuole dell'AITF.
Il modello dell'I.T.F. si differenzia per l'importanza data alle riscoperte delle relazioni con una particolare attenzione rivolta alla storia familiare, all'individuo, alla relazione terapeutica ed al rapporto tra famiglia ed individuo e fra questi e il suo mondo interno. Si lavora sugli aspetti simbolici e metaforici della famiglia, utilizzando tecniche non verbali, caratteristiche dell'Istituto, come la scultura, il collage, le fotografie familiari e i disegni.
Compongono lo staff clinico dell'I.T.F. il prof. Rodolfo de Bernart, il prof. Giuseppe Ruggiero, la dott.ssa Sonia Pizzoleo, psicologa, psicoterapeuta sistemico-relazionale e mediatore familiare, la dott.ssa Alessandra Latella, psicologa, psicoterapeuta sistemico-relazionale e mediatrice familiare.
Il terzo seminario di sabato 21 ottobre è stato preceduto da altri due appuntamenti di lavoro, svoltisi in settembre, e presentati dal prof. Rodolfo de Bernart, medico, psichiatra, psicoterapeuta e mediatore familiare, direttore da 35 anni dell'Istituto di Terapia Familiare di Firenze, nonché fondatore dell'AIMS (Associazione Internazionale Mediazione Sistemica) e del Forum Europeo per la ricerca e la mediazione familiare.
Sempre il prossimo sabato nel corso dei lavori si svolgerà l'Open-Day per presentare la scuola di Specializzazione in Psicoterapia Familiare e Relazionale (in attesa di riconoscimento da parte del M.I.U.R.) con l'illustrazione del programma e del modello di lavoro clinico e didattico.
Il prof. Giuseppe Ruggiero, psichiatra, psicoterapeuta e mediatore familiare, direttore dell'Istituto di Medicina e Psicologia sistemica di Napoli, nonché Presidente FIAP (Federazione Italiana delle Associazioni di Psicoterapia) e AIMS e docente presso l'Università Pontificia Salesiana di Roma sarà il relatore della giornata seminariale.
Sarà inoltre presente il Dott. Antonio Marziale, Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria.