Reggio Calabria
 

Gioventù Nazionale, svolto ieri il primo incontro de “Le botteghe della formazione”: tanta storia ed emozioni

"Sono commosso. Finalmente respiro aria di casa!". Con queste parole Titta Valenzise, militante missino di lungo corso ed ex segretario Regione Calabria del Fronte della Gioventù negli anni '70, si è rivolto ieri pomeriggio alla giovane platea presente, sul terrazzino dell'Hotel "Lungomare" che ha ospitato l'evento, al primo incontro della scuola politica "Le botteghe della formazione", un progetto ideato e realizzato da Gioventù Nazionale- Reggio Calabria. Presenti anche Massimo Ripepi (consigliere comunale FDI), Nello Scuderi (coordinatore provinciale FDI), Andrea Guarna (coordinatore cittadino FDI), Gianluigi Verta (membro direzione nazionale GN), che hanno tutti posto l'accento sulla necessità di educare una nuova classe dirigente ai valori più autentici, senza ipocrisie, mettendo alla base un'idea di politica sana e rivolta al bene comune, non alla divinizzazione dei soggetti che vi si alternano.

Accanto a Valenzise, che con commozione e nostalgia ha ripercorso le sue esperienze politiche agli albori del movimento, anche Beniamino Scarfone (ex membro esecutivo nazionale Azione Giovani) e Luigi Amato (ex coordinatore provinciale di Giovane Italia RC) che hanno rivissuto i passaggi generazionali degli ultimi vent'anni, fino ad approdare ai giorni nostri con le impressioni di Pasquale Oronzio (membro esecutivo nazionale GN e tra gli organizzatori dell'evento) . Un viaggio nel tempo che non si è fermato solo agli aspetti storici ma è andato oltre, entrando nell'animo di chi ancora oggi tiene fede ai valori della destra sociale.

"Siamo molto soddisfatti per la riuscita del primo ciclo di incontri. L'obiettivo era rispondere alla domanda, più volte posta, "cosa è Gioventù Nazionale?". Per tale motivo siamo saliti su una macchina del tempo e abbiamo lasciato parlare l'esperienza, sentendoci ancor più orgogliosi di averne ricevuto in eredità i valori, rivissuti alla luce delle nuove epoche storiche." Così si è espressa Alessandra Quattrone, coordinatrice cittadina GN, che ha moderato l'incontro.