Reggio Calabria
 

Reggio. Consegnati gli attestati di partecipazione ai corsi sulla famiglia adottiva e la lingua greca di Calabria

Un pomeriggio intenso per la Sala dei Lampadari di Palazzo San Giorgio che ha ospitato le cerimonie conclusive di consegna degli attestati dei due percorsi formativi promossi dall'Assessorato alle Politiche Sociali e alle Minoranze Linguistiche del Comune di Reggio Calabria.

Nel primo pomeriggio, alla presenza del Sindaco Giuseppe Falcomatà, dell'Assessore Lucia Anita Nucera e dell'Assessore Giuseppe Marino, sono stati consegnati gli attestati di frequenza del percorso sul tema "Il mondo del bambino adottato: la famiglia, la scuola, la comunità che accoglie".

A seguire si sono avvicendanti i corsisti del "Pame ambrò: azioni di promozione e valorizzazione della minoranza linguistica greca di Calabria".

I due percorsi rientrano nel più ampio programma di iniziative attivato dall'Amministrazione Falcomatà e di cui l'Assessore Lucia Anita Nucera è attuatrice, volto ad offrire strumenti, formazione e competenze ai cittadini, attraverso esperienze sul campo che educhino alla cittadinanza consapevole e alla partecipazione attiva alla vita della società.

 

Dialoghi sull'adozione

Il percorso relativo al mondo dell'adozione nasce dalla volontà del Settore Welfare del Comune di Reggio Calabria, che ha recepito le istanze di un gruppo di famiglie adottive e aspiranti tali che hanno riscontrato, negli anni, la necessità di dialogare con la Scuola per trovare le giuste strategie per accogliere ed educare i bambini adottati.

Il percorso formativo si è articolato in diversi moduli, dove genitori, esperti e insegnanti si sono confrontati, e in cui, attraverso lo stesso cambiamento del linguaggio con cui l'Adozione si racconta, è stato proposto anche un cambiamento dei significati e di approccio a questa esperienza.

Le radici dei greci di Calabria

Sensibilizzare i calabresi verso la lingua e la cultura greca, valorizzando le nostre radici storiche per comprendere le nostre tradizioni attuali è stato l'obiettivo da cui si è mosso il corso di lingua greco-calabra "Pame ambrò".
Un viaggio che, partendo dalla lingua, è andato ad approfondire la conoscenza delle tradizioni, della cultura, della musica, con diverse attività nei luoghi che ancora oggi custodiscono e conservano il cuore dell'esperienza viva dei Greci di Calabria.

Gli sviluppi del prossimo futuro

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, intervenuto a margine delle due cerimonie di consegna degli attestati di partecipazione ai corsisti, ha ringraziato l'Assessorato per aver avviato i percorsi su due tematiche di grande interesse, rinnovando l'invito a proseguire, già a partire dal prossimo autunno, con nuovi momenti di incontro e condivisione, con tutti quei cittadini che vorranno affiancare l'amministrazione su obiettivi qualificanti come quelli fin qui affrontati.

"Sono molto soddisfatta dei risultati ottenuti in questo primo anno di lavoro - ha commentato l'Assessore Lucia Anita Nucera al termine - quella della genitorialità e quella delle minoranze linguistiche sono due tematiche che consideriamo centrali nel lavoro promosso, su indirizzo del Sindaco, dall'Assessorato che rappresento. Devo fare i miei complimenti ai corsisti, che saluto con un arrivederci, visto che già dal mese di ottobre saremo pronti ad avviare dei nuovi percorsi formativi".

"Lo splendido gruppo che si è formato durante il corso sulla lingua greca di Calabria sarà inoltre il cuore pulsante del nucleo organizzativo della giornata dei Greci di Calabria, che abbiamo previsto per il prossimo 18 agosto, nell'ambito del programma dell'Estate Reggina" – ha affermato Lucia Anita Nucera.

"Per ciò che riguarda il corso sulle famiglie adottive, nel ringraziare le famiglie e i genitori che hanno partecipato, vorrei fare un plauso alla Dottoressa Maria Grazia Marcianò, coordinatrice del corso e responsabile dell'Ufficio che si occupa dei minori e delle adozioni per il Comune, e naturalmente a tutti gli insegnanti delle scuole cittadine che hanno aderito, con l'obiettivo di arricchire le loro competenze da utilizzare nel lavoro quotidiano all'interno della comunità scolastica. Spero che l'anno prossimo tutti gli istituti comprensivi della città partecipino a questo percorso che, sono certa, ci darà ancora grandi soddisfazioni" - ha concluso l'Assessore al Welfare e alle Politiche Sociali.