Reggio Calabria
 

Nuccio Pizzimenti FI: Alloggi popolari, Pizzimenti (FI): “Tsunami-Falcomatà. Quattro domande per il Sindaco

"Il fenomeno degli alloggi popolari, denominiamo "Tsunami Politico Falcomatà", che abusa degli abusivi ("Probabilmente per strategia per fini elettorali ?") non procedendo al censimento, è un segnale inquietante anche verso i cittadini che aspirano ad avere un alloggio, la situazione in essere non è più accettabile, pertanto non può essere prorogata all'infinito".
È quanto dichiara Nuccio Pizzimenti, dirigente del Coordinamento Provinciale Enti - Locali di Forza Italia, Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Ecco di seguito le domande riservate da Pizzimenti al Sindaco Giuseppe Falcomatà:

1 - Al posto della Commissione preposta, perché non si è proceduto ad una trasparente e rapida procedura informatica attraverso banca dati, vedi legge regionale n. 32/96 ?

2 - Come mai non si è proceduto sugli alloggi confiscati, all'assegnazione a case popolari ?

3 - Gira voce che il delegato del settore e alcuni esperti abbiano chiesto un tavolo tecnico con le associazioni e gli amministratori, però questa operazione manda il Sindaco in un cortocircuito amministrativo, per quale motivo ?

4 - Perché per l'anno 2017, non sono stati spesi 1.300.000 euro destinati alla manutenzione degli alloggi popolari, che sono fatiscenti ?

Domande che pesano come macigni per il Sindaco Falcomatà, messo sempre più in angolo da parte di Nuccio Pizzimenti, che in questi giorni ha avuto anche il supporto di 2 autorevoli esponenti del Partito Democratico, Antonino Castorina, capogruppo al Comune di RC e Antonio Malara, segretario di sezione.
Spiega l'azzurro: "I cittadini attendono da anni di avere una dignità abitativa, ultimamente è piuttosto ricorrente come visto in questi giorni dal delegato Giovanni Minniti prorogare i problemi all'infinito, non risparmiando onde anomale di illogica politica, un maremoto politico di magnitudo 9.5 con epicentro su Palazzo San. Giorgio, che ci dovrebbe portare al voto anticipato, per avere una nuova guida per iniziare a risolvere i problemi".
Rincara la dose Pizzimenti: "Il quadro della situazione è allarmante, vi sono molte famiglie che stanno abusivamente in alloggi pericolanti, perché il settore è totalmente bloccato - continua l'esponente di Forza Italia - le uniche parole comunicate alla popolazione, sono che bisogna andare fieri, perché in mezzo alle difficoltà stiamo riportando tutto alla normalità - spiega Pizzimenti - la normalità per loro sono 8 famiglie che sono state assegnate in graduatoria dal 2005 ad oggi. Promettere ogni giorno la famigerata task-force per il censimento. E 11 mln di euro del decreto Reggio finalizzati per la costruzione di nuovi alloggi che sono stati destinati ad opere pubbliche. Va ricordato che per l'assegnazione degli Alloggi di Edilizia sociale in Emergenza abitativa si possono attingere nella disponibilità gli alloggi ERP ai sensi dell'art. 31, L.R. 32/1996 - vedi anche Art. 9 Regolamento Comunale approvato con delibera del Consiglio Comunale n.1 del 25 Gennaio 2018. Ma a causa di un non efficiente Regolamento approvato (25.01.2018) dall'Amministrazione Comunale, che prevede la formazione di una Commissione, che dopo 8 mesi non è stata ancora costituita, per tanto le domande presentate, tra cui anche quelle delle famiglie sotto sfratto, non sono state prese in considerazioni per la valutazione di merito".
Conclude Nuccio Pizzimenti "Per la situazione di stallo molte case popolari restano nella disponibilità di assegnatari che non hanno più i requisiti legati al bisogno, mentre altrettante famiglie in condizioni di disagio economico ed di locazione continuano a non avere assegnato un alloggio. La Politica di Falcomatà è priva di sensibilità sui bisogni primari dei cittadini, tutto ciò crea sofferenza e sconcerto. Attendiamo le risposte del Sindaco".